Pages

lunedì 31 marzo 2008

Allenamento maratona Lunghissimo: 31km.. ricerca del Ritmo Gara

Ho realizzato quello che mi ero ripromesso, 31 km a 6'25"
Non è stato facile tenere a freno l'irruenza del corpo che chiedeva di andare più forte, ma la mente in questi frangenti, si sa, deve essere come un pilota che sa che sta guidando una macchina con qualche difettuccio.Il suo scopo è di cavarne il meglio.
Pilota di me stesso perciò ho posto in essere un'uscita molto celebrale, in continuo controllo delle sensazioni e alla ricerca della rilassatezza delle braccia e delle spalle, di solito molto contratte.
Ho focalizzato l'attenzione su un dato "anche se 30 secondi più piano del solito, il mio corpo viaggia nelle campagne senza cedimenti" e questo senz'altro è positivo. Franchino nel commento al post sotto me l'ha ricordato che comunque c'è un effetto allenante..l'importante è correre!
Ed io ho corso e mi son divertito per le 3 ore e passa dell'uscita..anche se quelle che sto scrivendo sono la sicurezza e la serenità del dopo corsa. Prima infatti mica ero così sicuro di farcela!Timoroso, mi son fatto seguire da un certo punto del percorso in poi..oramai i miei si divertono nel supportarmi quando ne ho bisogno, farei loro un monumento.
Le gambe direi che han recuperato in fretta mentre scrivo.Ho finito fresco e in spinta. L'ultimo paio di km ho accellerato, facendoli più veloci di 25"/km rispetto al ritmo tenuto sino a quel momento. Son sicuro che anche in maratona l'avrei tenuto sino alla fine..La curiosità per una prestazione così regolare, mi spinge a domandarmi quale sia, una volta ristabilito, il mio punto di equilibrio..quella velocità che mi permetta, come oggi, di non avere cedimenti. Ci penserò nei prossimi giorni.. :-)

7 commenti:

Monica ha detto...

la testa in fondo e' fondamentale in una gara come la maratona e quindi hai allenato anche quella ieri.

il punto di equilibrio mi fa pensare ad altri punti misteriosi eh eh....se lo trovi chiamami mi raccomando...il punto di equilibrio certo!

ti avevo gia detto BRAVO ma te lo ripeto. a vienna e' assolutamente pb :-) [fai i dovuti scongiuri mi raccomando!!)

Ezio ha detto...

Bravo Mathias. Allenarsi in condizioni cosi' sfavorevoli, come ha gia' detto Monica, e riuscire ad uscirne bene ti prepara alla sofferenza di una maratona. Continua cosi'!

Master Runners ha detto...

Comunque hai sempre fatto 3 ore di lungo lento!
Dai che Vienna è vicina!
javascript:void(0)
Pubblica commento

Frate_tack ha detto...

Grandeeee. Bravo cosi si fà. Continua cosi e a Vienna sarà una passeggiata.

uscuru ha detto...

bravo pensaci bene al ritmo da tenere oramai ci sei quasi
la devi fare x farla bene senza soffrire troppo
non importa da dove sei ripartito
(bronc o probl musc)
se ci sei con la testa ci sei
anke con le gambe(Monica) e'
vero... d'altronde sei un "podista"
(ke razzaccia) come tutti noi e
avrai altre occasioni x fare il tempone no?

Cris ha detto...

il segreto è tutto li!!!!!dentro la testa!!!!!!bravo,continua cosi!!!!notte!!!ciao.

Giulyrun ha detto...

Secondo me il punto d'equilibrio lo troverari nel momento in cui, avendo avuto, potendo e conoscendo che nell'eventualità in cui, avresti ma non hai voluto seondo le proprie aspettative..... Non sono stato chiaro mi rispiego meglio: corri che ti piace!