Pages

sabato 28 giugno 2008

Nuova sfida: Dal Mare alla montagna, Villanova Monteleone. Suggerimenti corsa in salita

Questa è la nuova sfida a lungo termine, la gara che voglio preparare per bene amici miei.
Domenica 17 agosto si terrà la manifestazione Dal mare alla montagna, un percorso veramente impegnativo. Certo non si tratta delle gare alpine, ma lasciate che in due parole vi descriva il percorso.
La gara è lunga 19 km e si snoda tra la spiaggia di Poglina(o "della Speranza") che si trova all'8°km della Costiera di Bosa e l'abitato di Villanova Monteleone. Dopo 5km interlocutori lungo la costiera, inizia la gara. Siamo a 50 metri sul livello del mare. Da qui in 4,8km si sale a 550. 500 metri di dislivello secco in meno di 5km!, più del 10% di pendenza. Una discesa per perdere un centinaio di metri di dislivello, poi di nuovo salita, più dolce ma continua per giungere in paese (saranno altri 200 metri di ascesa. Il totale è all'incirca 700 metri di dislivello positivo.

Problema. Io e la salita ultimamente non andiamo d'accordo. Vi chiedo aiuto per programmare gli allenamenti di salita da qui ad agosto. Ci sono 6 settimane.
Breve descrizione della palestra naturale che mi circonda
80 metri al 15%: La più vicina, è la salita che porta a casa mia
170 metri al 10/12%: E' sempre vicina, a meno di un km da casa
200 metri (50 metri al 20% e poi spiana attorno all'8%) in sterrato: E' a 2km da Casa
Scala Piccada: 2km al 5%, pausa con 600 metri di pianoro, e altri 2 km al 5/6%. Si trova a 4km da casa
la salita della gara. 4,8km al 10%. Si trova a 13km da casa
Come mi organizzo l'allenamento su queste salite? Attendo i vostri consigli..ah tenete presente che mi alleno 4 volte a settimana solitamente..

6 commenti:

Alvin ha detto...

La gara visto il panorama e la regione in cui si trova deve esser veramente bella...la salita da 170m vicino a casa secondo me è buona per qualche ripetuta a cannone e può darti una bella mano muscolarmente,quella di serra piccada se riuscissi a farla almeno 2-3 volte la stessa uscita e tirata bene a 10-15 sec rispetto al RM non è male (logicamente i 600m dove spiana devi farli più forte)....la migliore è quella della gara ma è a 13km da casa... qui gira parecchia gente che corre bene, sapranno consigliarti meglio.

Mic ha detto...

Non so aiutarti molto: in salita non mi esprimo bene e non la curo granchè. Fossi in te la curerei il necessario x fare una buona figura, ma soprattutto x non soffrire troppo in gara. Un periodo di potenziamento non ti farebbe male, ma non trascurare la velocità! Tra le salite che hai a disposizione la + indicata è quella della gara, xchè il sistema di allenamento + utile in previsione di una gara così lunga in salita, è il ritmo medio in salita, inizia con 2 e poi aumenta, anche fino a 8-10km. Io personalmente mi trovo bene con la corsa su strada, dai 5km alla mezza e gare in salita ne corro poche e solamente come mezzo di allenamento, senza una preparazione mirata.

furiasarda ha detto...

In ritardo voglio commentare qui il posto sul tuo scritto su "il podista (spero di non sbagliare)". Mathias, che dire, parlando con Zazo ieri abbiamo avuto lo stesso senso di disgusto. Ci manca il Mathias poeta dei primordi, altro che minchiate sulla corsa. Chicche quale La verita' e' una sola, diventata poi il mio motto non possono essere cancellate da queste novita' commerciali per le grandi platee. Esprimo il mio dissenso... l'orologio non te lo meriti!!!

Michele ha detto...

Devi fare come i ns soci resegoni tanta salita con strappi , se ne hai vicino casa ,alleni la potenza e vedrai che la velocità arriva grazie alla forza che aumenta.Infatti il cedimento a monza 1 dei 3 l'ha avuto in salita quindi: salite e strappi a go go

Mathias ha detto...

Vi ringrazio per i consigli raga..e ringrazio anche franchino che, anche se non ha commentato in email mi ha mandato un interessante allegato.. quella salita lontana 13 km l'avvicinerò in macchina e pianificherò dei buoni corti veloci. L'obiettivo della gara sarò ovviamente di non soffrire e di arrivare a Villanova tutto intero.
@Furiasarda: I motti gogliardici coniati agli albori della gioventù mi appartengono ancora, solo che ora la platea è più ampia..non posso compromettermi qui in pubblico raccontando quali minchiate scrivevo!!

Mic ha detto...

Io invece non cerco una preparazione specifica per la salita, ma sto pensando a degli allenAmenti in quota: ho la possibilità di un posto a 1750m, con salite corribili fino ai 2200m, per fare allenamenti a buona intensità, ma sempre a sensazione. Forse è troppo da professionista?! Sono curioso di verificarne i benefici; se è tutto OK inizio questo WE, e poi ti saprò dire.