Pages

giovedì 6 novembre 2008

I Edizione "Corsa dei due stadi" Sassari..ci sarò

E' un mesetto che non gareggio..quale migliore occasione se non una garetta di 6km a Sassari Domenica mattina?. Le gare podistiche qui sono (almeno erano) una rarità, bisogna spostarsi solitamente di centinaia di km(vero Davide?). Così quando te la organizzano a mezz'ora da casa è una chanche da non farsi scappare.
La gara in questione, alla prima edizione, è veramente carina, si sviluppa su un percorso cittadino che unisce i due stadi della città, il Vanni Sanna, dove gioca la Torres, e lo stadio dei pini, dedicato all'atletica leggera. Peccato che arrivo e partenza non siano negli stadi, magari l'anno prossimo gli organizzatori lo escogiteranno. Non che sognassi un arrivo alla Baldini in solitaria nello stadio di Atene..anche se è probabile che il mio arrivo sarà come quello del campione olimpico, ma perchè tutti avranno già tagliato il traguardo!!!
Dell'Alghero marathon credo di esserci solo io, gli altri amici sono impegnati in "una corsa all'agriturismo", in direzione di Putifigari inserita nel quadro degli ultimi estenuanti allenamenti per Firenze (ah ah ah).. al prossimo training di questo tipo parteciperò anche io, per il momento tengo alto il nome della mia squadra mangereccia!

11 commenti:

Alessandro ha detto...

Che tu arrivi in solitaria perchè tutti arriveranno prima, non ci credo nemmeno se mi torturano ;)

Approfittane delle garette non competitive, almeno ti danno la sensazione di "essre nell'evento", a me piace e mi carica assai (anche se ultimamente stò facendo un pò troppe competitive Fidal).
ciao campione!

Fatdaddy ha detto...

Anch'io domenica sono di gara tra le colline di Verona! Credo punterò ai 16 Km, con successiva puntata all'agriturismo con amici e famiglia...e lì sì darò il meglio di me!

R. Davide ha detto...

Vero Mathias!! peccato sia cortina..alla fin fine credo che mi piacciono di più quelle un pò lunghette dai 13 a 21 km..sarà perchè in quelle corte si fatica troppo..bò..cmq sarà sicuramente una gara divertente..basta solo il fatto che si correrà dentro la città!!! ciao a Domenica

Mic ha detto...

Anche se poi non tutti sono d'accordo..vero Luciano? :-) Il mio consiglio è di darci dentro con le gare, perchè danno stimoli che in allenamento non trovi. Buona scelta! Io è da 3 settimane che non gareggio e mi sembra un'eternità! Cmq avrò spesso l'occasione di rifarmi, perchè domenica c'è la maratona. ..speriamo bene..

Anonimo ha detto...

dai, mic, io mi riferisco a quelli che fanno 30-50 gare all'anno, che non si chiamano calcaterra e che si propongono di migliorare. non credo che mathias sia uno di questi. ci vuole equilibrio. nel periodo preparatorio è meglio andare in ritiro e non eccedere con le gare (esemplare franchino), poi nel periodo agonistico ci si scatena. una programmazione annuale di questo tipo è la più razionale SE (ripeto per i sordi) l'obiettivo è massimizzare il miglioramento. SE invece l'obiettivo è diverso, tipo divertirsi e fare un po' di moto, oppure all'estremo opposto guadagnare soldi, allora si gareggi spesso. ma in quest'ultimo caso, ad alti livelli, questa è una delle cause del crollo del fondo italiano. er califfo.

Mic ha detto...

Luciano, guarda che stavo scherzando!...eppoi un pò mi diverto anche a punzecchiarti e a tirati in causa. Ho capito bene la tua filosofia e siccome credo che mi possa essere utile, credo anche di tirarne fuori qualche indicazione per la mia preparazione. CIAO CALIFFO!, spero di poterti dare delle buone notizie lunedì.

Mathias ha detto...

quest'anno mi pare chiuderò con 16/18 gare, di cui un paio almeno preso come puro allenamento (vedi corri stintino dove ho fatto un corto veloce).. questa che sta arriva non so come classificarla, vediamo che ne esce.. cerco di passar ai 5km in un tempo molto vicino(sotto) il mio primato.
buone garette a tutti

Mathias ha detto...

ah in bocca al lupo michele..2h37..vediamo se ci prendo!

Mic ha detto...

Ti avviso già che non ci hai preso, Math: sto molto bene, ma non ho ancora metabolizzato i cambiamenti per le distanze lunghe. Credo siano adattamenti che richiedono tempo e non settimane o mesi; ho in mente un passaggio alla mezza in 1h21-22, di + ho capito che non me lo posso permettere. Poi è tutto da inventare! Crepi il lupo

GIAN CARLO ha detto...

Da noi è diverso...ogni settimana ho sempre almeno una gara a pochi km da casa.
Ma domenica prossima vado a Civitavecchia 70km da casa e poi a Firenze quasi a 300km
Sai cos'è, dopo un po' non è un valore avere gare attaccate a casa.
La gara dei Santi con 2000 partecipanti svoltasi sabato scorso partiva da Piazza San Pietro a 2.4km da casa mia e io non ci sono andato.

Anonimo ha detto...

auguri, mic, facci felici... e punzecchiami pure, non sono permaloso. è un onore che atleti del tuo livello possano prendere spunti anche dalla mia "filosofia". hai l'approccio giusto: confrontarsi sempre, come la scienza, è così che si progredisce. er califfo.